News del 19/03/2018
Spumador, arrivano soldi ai dipendenti e nuove assunzioni
Premio di produzione di 540 euro netti

Articolo il quotidiano Il Centro

 

SULMONA. Un'azienda in salute che a sei anni dall'insediamento conferma il trend positivo di produzione e occupazione. L'altro giorno nello stabilimento Spumador di Sulmona i sindacati hanno incontrato l'azienda per la discussione legata ai premi da erogare ai dipendenti per il raggiungimento degli obiettivi del 2017. E il bilancio, a detta dei sindacati, è stato ottimo, con eccellenti risultati raggiunti soprattutto per quanto riguarda la sicurezza negli ambienti di lavoro, dove per il secondo anno consecutivo non è stato registrato nessun infortunio. Un risultato che è stato ottenuto, sempre a detta dei sindacati, grazie agli investimenti dell'azienda nel settore e naturalmente alla professionalità dei lavoratori che hanno saputo mettere in campo tutte le loro competenze al servizio della Spumador senza rischiare nulla. Nella busta di aprile i lavoratori troveranno una bella sorpresa che gli consentirà di trascorrere le feste di Pasqua con serenità e senza l'assillo di dover centellinare lo stipendio: circa 600 euro lordi, che detratta la tassazione sul premio di risultato legata ad accordi sindacali diventano 540 netti. Lo stabilimento di Sulmona, nonostante la perdita di alcune commesse della Campari, ex proprietaria della fabbrica, ha rispettato in pieno il budget con nuove commesse arrivate dal colosso Ferrero, che ha incrementato le sue produzioni rispetto all'anno precedente. Inoltre dal mese di aprile la Spumador inizierà la produzione di lattine di bevande per conto di un importante gruppo internazionale. «Abbiamo apprezzato il fatto che l'azienda abbia riconosciuto ai lavoratori il rispetto degli standard di sicurezza incrementando la parte economica del premio - sottolinea Franco Pescara, segretario generale della Fai Cisl Abruzzo-Molise, che insieme a Leonardo Lippa della Uil Uila sta seguendo le sorti dello storico stabilimento alimentare di Sulmona - Ulteriore soddisfazione arriva dal rispetto dei livelli occupazionali, che nel corso degli anni sono cresciuti arrivando a 130 unità, confermando gli stessi standard dei momenti di massimo splendore della fabbrica, quando era nelle mani della Crodo». Ma secondo i sindacati nei prossimi mesi i livelli occupazionali potrebbero addirittura lievitare ulteriormente, con l'avvio della produzione di acqua minerale del quale si parla già da tempo. Si attende solo che dalla Regione arrivi il nulla osta e la necessaria concessione per avviare l'imbottigliamento dell'acqua. Una nuova linea di produzione che porterà ulteriore occupazione. «Chiediamo alla Regione di accelerare l'iter amministrativo fermo ormai da troppo tempo - conclude Pescara - l'obiettivo è quello di creare un vero e proprio polo delle acque e delle bibite tra lo stabilimento Spumador di Sulmona e la Gran Guizza di Popoli al fine di far crescere sempre di più l'economia attraverso il potenziamento di questo settore, visto che l'acqua è uno dei pochi elementi di cui è ricco il territorio».


www.abruzzo.cgil.it ~ info@abruzzo.cgil.it