News del 23/12/2017
Pcm, l'azienda assume e investe 4 milioni
La fabbrica che produce marmitte acquista macchinari e costruisce uffici e mensa

Articolo il quotidiano Il Centro

 

CASTELLALTO. E' un esempio di azienda virtuosa, in diversi sensi. In un momento in cui la lunga crisi sembra restia a lasciare il passo alla ripresa, la Pcm investe e assume. La fabbrica di marmitte di Villa Zaccheo infatti ha annunciato che nel 2018 farà 4 milioni di investimenti per ampliare la sede. Non solo: ha appena assunto a tempo indeterminato otto interinali di un gruppo di 16 e altre stabilizzazioni probabilmente arriveranno nel 2018. «E' un'azienda sul territorio da 18 anni - esordisce Marco Boccanera, segretario provinciale della Fim Cisl - quando iniziò con 30-40 dipendenti. Ora ne ha 140. E' un'azienda del gruppo Catra che lavora per marchi come la Marelli, la Sevel, la Eberspacher». E' un'azienda leader nello stampaggio delle marmitte, cresciuta anche grazie all'esperienza nel campo del direttore Giuseppe Fresta, che proviene dalla Fiat. Il fatturato è di tutto rispetto: l'altro anno ha toccato quota 63 milioni. «La Pcm ha commesse per i prossimi cinque anni - aggiunge Boccanera - per un totale di 70 milioni. Correlato è il progetto di ampliare la sede: nel 2018 inizieranno i lavori per creare accanto all'attuale capannone una palazzina di altri 1.800 metri quadri, che ospiterà gli uffici e la mensa per le maestranze. Stanno anche sostituendo le vecchie macchine, portandole in uno stabilimento che hanno in Romania, con attrezzature 4.0. Insomma, un investimento da 4 milioni, tutto con fondi propri, senza incentivi in quanto Villa Zaccheo non rientra nell'area di crisi complessa ma in quella di crisi semplice». La Pcm fa parte di un settore, quello dell'automotive, che in provincia di Teramo è diventato uno dei punti forti del sistema produttivo. Conta infatti almeno duemila occupati. Solo a Villa Zaccheo si contano imprese che operano nello stesso settore del calibro della Mta, Uform e Susta. «Ma c'è poca attenzione verso imprese che dovrebbero invece essere premiate, anche per la correttezza dei rapporti - incalza il segretario provinciale della Fim Cisl - Stiamo parlando di aziende sane che rispettano il ruolo del sindacato e si impegnano per l'incolumità dei lavoratori. La Pcm fa continui corsi di formazione dei lavoratori e specifici anche per la sicurezza, settore su cui sta investendo molto. Però nella zona industriale di Villa Zaccheo sono senza fognature né rete di raccolta delle acque bianche, con un'illuminazione precaria e strade quasi tutte dissestate. La Pcm è un piccolo gioiello dell'automotive che non viene supportato». L'appello che rivolge il sindacalista è agli amministratori pubblici, che dovrebbero prestare più attenzione alle esigenze delle imprese che operano sul territorio «mentre tendono a farsi vedere soprattutto per portare curriculum per i posti di lavoro».


www.abruzzo.cgil.it ~ info@abruzzo.cgil.it