News del 11/05/2018
Medibev, sì all'imbottigliamento dell'acqua Maja
Via libera della Regione all'azienda a Sulmona, nuovi posti di lavoro

Articolo il quotidiano Il Centro

 

SULMONA. Arriva l'acqua Maja. Dopo oltre quattro anni di attesa la Regione dà il via libera all'operazione, firmando la concessione che autorizza il gruppo Refresco a imbottigliare la preziosa acqua che sgorga dal Morrone. Una notizia accolta con grande soddisfazione sia dai dirigenti dello stabilimento Medibev (ex Campari) che dai lavoratori, che nella nuova produzione vedono un forte consolidamento della loro azienda. «Adesso possiamo passare alla fase operativa e iniziare a proporre il prodotto sul mercato - afferma Tullio Tiozzo, responsabile dell'insediamento produttivo di Sulmona - Questa nuova produzione di alta qualità ci dà la possibilità di sviluppare ulteriormente lo stabilimento di Sulmona e completare la gamma di bibite che produciamo. Un'acqua che caratterizzerà proprio questa meravigliosa parte dell'Abruzzo interno, del Parco della Majella e dei luoghi celestiniana, visto che la sorgente si trova nella zona di Fonte d'Amore, a poche decine di metri in linea d'aria dall'eremo di Celestino V e dalla maestosa abbazia celestiniana. Un'acqua che nasce già con una grande storia e che porterà il nome di Sulmona e del centro Abruzzo in Italia e nel mondo». Naturalmente la nuova produzione porterà dei riflessi positivi anche sui livelli occupazionali. Attualmente nello stabilimento Medibev lavorano 120 dipendenti; se si pensa che all'avvio della nuova avventura (partita sulle ceneri della Campari) gli operai erano solo cinque, si ha l'esatta misura della crescita esponenziale avvenuta in questi anni. Tanto che lo stabilimento peligno è uno dei pochi progetti industriali regionali che hanno avuto successo in questo periodo di crisi per il settore. «In questo momento voglio ringraziare anche i sindacati Fai Cisl e Uila Uil, che hanno lottato insieme a noi per poter cogliere il risultato sperato - prosegue Tiozzo - consapevoli che la nuova produzione avrebbe garantito più forza allo stabilimento sia per quanto riguarda la tutela dei posti di lavoro che per l'ulteriore crescita dell'azienda». Con la stagione estiva ormai alle porte l'avvio dell'imbottigliamento dell'acqua Maja slitterà di qualche mese, con le prime bottiglie che potranno essere consegnate all'inizio del prossimo anno. Il gruppo Refresco, a cui fa capo la Medibev di Sulmona, ha cinque stabilimenti in Italia e in Inghilterra, altri si trovano in Belgio, Olanda, Germania, Francia, Polonia e Finlandia. A Sulmona sono attive tre linee di produzione (lattine, vetro e pet) e si viaggia al ritmo di 300 milioni di pezzi prodotti all'anno, un numero che inserisce lo stabilimento peligno nel segmento dei medio-grandi in Italia.


www.abruzzo.cgil.it ~ info@abruzzo.cgil.it