News del 06/07/2018
Giplast, salvi 112 posti di lavoro

Articolo il quotidiano Il Messaggero

 

GIULIANOVA. La Pfc Spa a decorrere da lunedì subentrerà nei contratti in essere in capo alla Giplast group a seguito di aggiudicazione, il 22 maggio scorso, dell'asta competitiva disposta dal Tribunale di Teramo che prevede la continuità indiretta dell'attività mediante l'affitto del ramo di azienda con successivo obbligo di acquisto. Il nome nuovo dell'azienda sarà Giplast performance, e la notizia più importante è che sono stati salvati 112 posti di lavoro con sei esuberi con i quali è stato trovato un accordo. Il processo di trasformazione della Giplast era iniziato il 27 aprile 2017, con la richiesta al Tribunale per essere ammessa alla procedura di concordato preventivo, e si è formalizzato in data 16 marzo scorso con il decreto di ammissione da parte del Tribunale a tale procedura. Un processo lungo e articolato conclusosi il 22 maggio con l'assegnazione dell'asta competitiva alla società Pfc spa. Il nuovo management ha avviato una significativa ripartenza, partendo appunto dal mantenimento dei livelli occupazionali ma anche oltre, in quanto si sta procedendo all'assunzione di altri dipendenti e sono già stati selezionati tre ingegneri. Non solo, l'azienda è pronta a nuovi investimenti per 4 milioni con lo scopo di accrescere la competitività e le performance dell'impresa effettuando una delicata operazione volta a rafforzare e rendere ancora più moderno l'intero ciclo produttivo. Va sottolineato che tra i principali clienti c'è, oltre a famosissimi marchi italiani, anche il Gruppo Ikea. Anzi la Giplast è addirittura il secondo fornitore mondiale del gruppo da ben cinque anni. Patrizio Marozzi, che ne è l'amministratore delegato figlio del fondatore Giuseppe, ha inteso ringraziare il socio Private Equity Vertis che ha reso possibile tutta l'operazione, «ma anche i miei genitori che sono stati vicini a me e a mia sorella Stella soprattutto nei momenti di difficoltà che ora ci stiamo lasciano alle spalle. Inoltre, coscienti del fatto che solo attraverso una profonda ristrutturazione che parte dal basso sarà possibile transitare da un'organizzazione tradizionale a un'organizzazione per processi orientati al cliente, l'obiettivo della nuova società sarà quello di evolvere verso una più strutturata ed efficiente metodologia produttiva e lavorativa e al contempo continuare a distinguersi per la capacità di offrire ai propri clienti soluzioni innovative e di massima personalizzazione».


www.abruzzo.cgil.it ~ info@abruzzo.cgil.it