News del 09/04/2018
Denso, rinnovati i contratti in scadenza fino ad agosto

Articolo il quotidiano Il Messaggero

 

SAN SALVO. Rinnovo fino al 31 agosto prossimo dei contratti attualmente in scadenza. È quanto emerso dall'ultimo incontro tra la dirigenza della Denso Manufacturing e i sindacati, che qualche settimana fa avevano scioperato sollevando diverse criticità all'interno del sito industriale che occupa poco più di mille lavoratori (1.164). La situazione di stallo riguarda diverse decine di lavoratori, tra interinali e contratti a tempo determinato, che da anni attendono una stabilizzazione. La dirigenza della multinazionale giapponese ha confermato quindi l'intenzione del rinnovo fino alla fine di agosto, ma ha rimandato gli altri temi messi sul tavolo dalle sigle sindacali unite. Diventa così importante questa settimana, che vedrà parti sociali e azienda sedersi nuovamente per parlare del contratto integrativo (scaduto da poco meno di tre anni) e soprattutto di investimenti e piano industriale. Sono questi, infatti, gli altri due punti che preoccupano i rappresentanti dei lavoratori. Nello storico stabilimento di Piana Sant'Angelo erano attesi gli investimenti per le nuove produzioni dalla Denso, oggi escono alternatori e motorini di avviamento ma i nuovi macchinari non si sono ancora visti. Per questo motivo i lavoratori a fine marzo hanno incrociato le braccia riscontrando una delle più alte adesioni a uno sciopero. Sempre nei prossimi giorni ci sarà l'atteso confronto tra un'altra multinazionale che opera a San Salvo, la Tyco Electronics, dove nei giorni scorsi è stato proclamato lo stato d'agitazione. Qui lavorano 200 dipendenti del settore automotive che come per la Denso attendono gli investimenti promessi e il raddoppio del capannone. Il 12 aprile società e sindacati si incontreranno. Il clima è caldo e le rsu hanno avvisato: «Dal 13 siamo pronti a entrare in sciopero». Sempre le rsu suonano un altro campanello d'allarme, questa volta per la Pilkington, che dà lavoro complessivamente a 2.500 persone. Gli esuberi si aggirano intorno a 200 unità e il calo di produzione dei mesi scorsi non fa dormire sonni tranquilli.

 

 


www.abruzzo.cgil.it ~ info@abruzzo.cgil.it