Selta spa, posti di lavoro a rischio e concordato preventivo

Lunedì 17 dicembre, dalle ore 14, le lavoratrici e i lavoratori della Selta spa di Tortoreto terranno un presidio in concomitanza dell'incontro convocato presso la sede della Provincia di Teramo, in via Milli, dal Centro per l'Impiego di Teramo della Regione Abruzzo. L'incontro, richiesto dalla Fiom Cgil e dalla Fim Cisl di Teramo, che da tempo denunciano la grave situazione aziendale e le particolari condizioni di lavoro a cui sono stati costretti i dipendenti, avrà come tema centrale la richiesta di concordato preventivo avanzata dalla Selta al tribunale di Milano e le conseguenze in termini economici ed occupazionali che questa avrà in particolare sulle 90 lavoratrici e lavoratori del sito di Tortoreto. All'incontro sindacale è stata richiesta la presenza anche del presidente della Regione Abruzzo, on. Giovanni Lolli: è assolutamente necessario, infatti, che anche tutte le istituzioni locali si impegnino per una definizione positiva della vertenza.

Vanno messi in campo tutti gli sforzi possibili affinché si garantisca un futuro produttivo ed occupazionale ai lavoratori coinvolti, valorizzando quella che fino ad oggi è stata la vera ricchezza di Selta: le competenze, le capacità e la disponibilità dei propri dipendenti. Sarebbe inaccettabile infatti che ancora una volta paghino i lavoratori con i propri posti di lavoro le scelte scellerate di una dirigenza aziendale che per troppo tempo non ha voluto accogliere richieste e sollecitazioni che arrivavano dalle organizzazioni sindacali e dai lavoratori.

 

I segretari provinciali di Teramo
Mirco D'Ignazio, Fiom Cgil        Marco Boccanera, Fim Cisl


www.abruzzo.cgil.it ~ info@abruzzo.cgil.it