Ex Micron, sì ai contratti di solidarietà

Oggi, presso la Provincia dell'Aquila, si è svolto l'incontro per l'utilizzo degli ammortizzatori sociali, così come sottoscritto nell'accordo presso il Ministero dello Sviluppo Economico il 6 maggio.

La Fiom-Cgil, dopo l'abbandono da parte della Micron del territorio marsicano, esprime soddisfazione per il raggiungimento di questo importante obiettivo previsto nell'accordo ministeriale. 

Infatti oggi sono stati firmati i Contratti di Solidarietà. Con questo strumento, durante la vigenza dei Contratti di Solidarietà, non solo si scongiurano i licenziamenti ma si garantisce un reddito migliore ai lavoratori, oltre ad un maggior coinvolgimento nell'attività produttiva.

L'utilizzo della Cassa Integrazione Straordinaria, come voluto inizialmente dall'azienda, avrebbe invece consentito anche la possibilità di avviare contestualmente i licenziamenti del personale in esubero. Utilizzando la CIGS inoltre, l'impatto economico sui lavoratori, già provati da un anno di CIGO, sarebbe stato ancora più pesante e drammatico. 

Ora, raggiunto questo importante risultato, la Fiom-Cgil si sente ancora più impegnata a controllare l'evoluzione del piano industriale per verificare tutte le possibilità al fine di garantire la massima occupazione dello stabilimento più grande della provincia aquilana.

 

La FIOM-CGIL della Provincia di L'Aquila


www.abruzzo.cgil.it ~ info@abruzzo.cgil.it