Anpal Servizi: troppi temi irrisolti, presidio e una giornata di sciopero

Vista la totale assenza di risposte adeguate da parte dell'azienda su tutte le tematiche aperte nell'ambito delle relazioni industriali in Anpal Servizi Spa tra le quali:
- Mancata proroga dei contratti scaduti e in scadenza, assenza di volontà di avviare il processo di stabilizzazione per i CTD secondo quanto previsto dal decreto 4-2019 convertito con L. 26-2019
- Assenza di volontà di superare il precariato a fronte dell'ingresso di 3.000 Navigator e conseguente avvio stabilizzazioni anche per i collaboratori,
- Mancato confronto sul Regolamento e chiarimenti in merito alle modalità di selezione per prossimo PON,
- Mancata condivisione della riorganizzazione e dei fabbisogni professionali legati ad essa e del Piano Industriale,

- Mancato rinnovo del CCAL,
- Mancato rinnovo della parte economica, che contemplerà la rivisitazione dei minimi tabellari, welfare, previdenza e PDR,
- Mancato avvio piano di adeguamento salariale dipendenti, adeguamenti salariali e riconoscimento anzianità per i collaboratori,
- Mancata definizione degli Obiettivi 2019,
- Mancato piano di sviluppo 2019,
- Mancato avvio del Piano formativo 2019,
- Mancato avvio dell'accordo Smart Working,

 

Giovedì, 23 maggio si terrà uno sciopero per l'intera giornata, con presidio presso la sede territoriale di Anpal Servizi, a Pescara, via Passo Lanciano, dalle ore 11 alle ore 14.


Fisac Cgil       First Cisl       Uilca Uil      Nidil Cgil     Provinciali

 

 

P.S. Chi vuole leggere la lettera inviata su questi temi al vice premier Luigi Di Maio può farlo collegandosi alla rubrica "Eventi" in data 23 maggio 2019


www.abruzzo.cgil.it ~ info@abruzzo.cgil.it